Trump allenta le tensioni del mercato azionario

Trump allenta le tensioni del mercato azionario Trump allenta le tensioni del mercato azionario

Trump e le tensioni del mercato azionario

Il mercato azionario statunitense ha segnato i suoi massimi questa settimana, condizionato dall’allentamento delle tensioni globali.
Il mercato S&P 500 ha rotto sopra i 2.300, catalizzato da una serie di eventi che hanno contribuito a ridurre le tensioni globali spronate dal presidente Donald Trump e il suo atteggiamento protezionista.

La guerra commerciale

Il periodo post elettorale e il primo periodo dell’amministrazione ha appianato gli animi di guerre commerciali che nel lungo periodo saranno comunque inevitabili.
Gli avversari come sappiamo sono quelli tradizionali: Messico, Germania, Giappone e Cina.

La buona notizia è che quando le tensioni sembravano sul punto di rompersi, Trump ha fatto un passo indietro.

Trump ha promesso un dialogo aperto e costruttivo verso la Cina, ha incontrato il presidente Shinzo Abe e rinnovato l’amicizia con il Giappone, quello che rimane da fare, è di ricucire il dialogo commerciale con il Messico.
Le attenuazioni delle tensioni hanno cancellato il percorso di riforme protezionistiche annunciate da Trump, inoltre il suo piano di riforma fiscale che sarà svelato in poche settimane, ha già scatenato un mercato rialzista, un percorso in ascesa, iniziato già da prima delle elezione di Trump.

La crescita

Trump allenta le tensioni del mercato azionario

Trump allenta le tensioni del mercato azionario

La riforma fiscale prevede di aumentare gli utili fino al 10% del mercato S&P 500, un obiettivo che raddoppia le stime già di per se solide.

Inoltre, è già stata avviata una combinazione di politiche che porteranno a un:

  • Consolidamento del mercato del lavoro;
  • Aumento dei salari;
  • Aumento della domanda.

L’obiettivo è quello di un abbassamento dell’inflazione.

La Banca FOMC

La Banca FOMC da due anni, ha intrapreso un percorso di consolidamenti alzando i tassi in un solo anno, di ben 3 volte. Questa attività combinata con la crescita e l’aumento dell’inflazione ha portato oggi a un dollaro più forte.

Le prospettive

In un mercato incerto, vogliamo darvi le nostre previsioni di lungo periodo:

  • Gli indici europei e asiatici sono incerti, e si aggireranno poco al di sotto dei massimi;
  • La prospettiva per il mercato Statunitense è certa, ed è di tipo rialzista.